L’Italia che affascina i nuovi russi

E' in arrivo una nuova generazione di investitori russi che acquista in Italia guardando oltre le solite mete.

Il Trend

Sempre in aumento i russi che scelgono di acquistare una proprietà in Italia, che è salita ai primi posti tra i paesi preferiti dagli investitori provenienti dalla Russia.

Negli ultimi 10 anni infatti il numero di acquirenti è aumentato costantemente e gli investimenti sono triplicati.

E' in arrivo una nuova generazione di russi, si tratta di imprenditori, politici, professionisti e manager, di età media tra 40 e 50 anni che scelgono di investire nel nostro paese per il clima, per la cultura e la bellezza dei luoghi.

 

Le nuove mète

Le mète più gettonate restano sempre quelle della costa della Toscana e della Liguria, i grandi laghi del nord Italia, Roma e Milano ma è in aumento il numero di clienti russi alla ricerca di privacy, che preferisce restare lontano dalle zone più frequentate dai connazionali, orientando l’interesse verso luoghi diversi come la Costa Adriatica delle Marche, l'Umbria e l'entroterra della Toscana.

 

Alcune delle vendite concluse da Casaitalia

Casaitalia International è particolarmente attiva sul mercato russo.

Queste sono alcune delle vendite concluse da Casaitalia con la propria clientela russa per l'acquisto di ville e casali in Umbria, a Todi e in zona Lago Trasimeno, in Toscana nel Senese, nelle Marche vicino a Pesaro, in Abruzzo e vicino Roma.

 

Umbria - Todi
Prezzo di richiesta: 2.500.000 Euro
Venduto

 

            

Toscana - Siena
Prezzo di richiesta: 3.950.000 Euro
Venduto

 

        

Marche - Pesaro
Prezzo di richiesta: 4.300.000 Euro
Venduto

  

Umbria - Zona Trasimeno
Prezzo di richiesta: 1.350.000 Euro
Venduto

 

            

Lazio - Campagna romana
Prezzo di richiesta: 2.500.000 Euro
Venduto

 

        

Abruzzo - Tortoreto Lido
Prezzo di richiesta: 3.300.000 Euro
Venduto

 

Vuoi proporre il tuo immobile alla nostra clientela?

Clicca qui per compilare il form di primo contatto >


Iscriviti alla newsletter
Consenso Privacy